My description 051 0285016 - Per ordini telefonici rispondiamo: LU-VE 9.00/13.00

Aboca
Bionike
Caudalie
Guna S.p.a
IMO spa
La Roche-Posay Laboratoire Pharmaceutique
Laboratoires Boiron
Laboratoires Vichy
Lierac
Pierre Fabre
SCA Hygiene Products
Serenity spa

La spedizione è gratuita per tutti gli ordini superiori a 19,90 €, se inferiore è di solo 3,40 €

Nuovo

MOMENDOL*12CPR RIV 220MG

SPEC.MED.DA BANCO

prodotto sempre disponibile in quantità illimitata

Disponibilità: Disponibile

Prezzo Pieno: € 6,70

Prezzo Speciale: € 5,04

Risparmi: 25%

Subito uno sconto del 3% alla cassa per spese superiori a 200€ !

Descrizione Prodotto

Dettagli

SPEC.MED.DA BANCO

Informazioni Aggiuntive

Informazioni Aggiuntive

Avvertenze speciali ATTENZIONE!
Questo prodotto è un farmaco da banco senza obbligo di ricetta medica (farmaci cosiddetti OTC o SOP). Dal 2015 la legge italiana consente la vendita di tali farmaci solo a siti autorizzati e notificati al Ministero della Salute. Il sito Youfarma è stato autorizzato e notificato al ministero in data 5 aprile 2016. Cliccando sull'apposito logo presente in questa pagina potrai collegarti direttamente al sito del Ministero della Salute e verificare i siti autorizzati.
Di seguito potrai trovare il foglietto illustrativo del farmaco prelevato dalla banca dati del produttore o dal sito dell'agenzia italiana del farmaco (AIFA).
Il nostro servizio e il materiale riportato non costituiscono consigli medici o ulteriori istruzioni in merito all'utilizzo dei farmaci da banco. L'informazione fornita non intende sostituire o rappresentare un'alternativa a una consultazione professionale. Pertanto in caso di dubbi non esitate a contattarci o a rivolgervi al vostro medico o farmacista di fiducia.
Youfarma non si assume alcuna responsabilità né sarà ritenuta responsabile di eventuali perdite o danni derivanti direttamente o indirettamente dall'utilizzo delle informazioni riportate nella presente sezione del sito, in qualsiasi modo derivanti da qualsiasi difetto, errore, imperfezione, guasto, svista, o inaccuratezza, del suo contenuto o dei servizi ad esso associati o a qualsiasi contenuto o servizio associato. L’utilizzo delle informazioni è pertanto ad esclusivo e personale rischio e responsabilità dell’utilizzatore.
Azienda Produttrice Angelini
Foglietto illustrativo DENOMINAZIONE
MOMENDOL 220 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM

CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA
Farmaci antinfiammatori/antireumatici, non steroidei. Derivati dell'acido propionico.

PRINCIPI ATTIVI
Naprossene 200 mg (corrispondenti a naprossene sodico 220 mg).

ECCIPIENTI
Nucleo della compressa: lattosio monoidrato, amido di mais, cellulosamicrocristallina, povidone (K25), carbossimetilamido sodico, silice colloidale anidra, magnesio stearato. Film-rivestimento: ipromellosa, macrogol 400, titanio diossido (E 171), talco.

INDICAZIONI
E' indicato negli adulti e negli adolescenti sopra i 16 anni nel trattamento sintomatico di breve durata dei dolori lievi e moderati quali dolore muscolare ed articolare, mal di testa, mal di denti e dolore mestruale. Puo' essere utilizzato anche nel trattamento della febbre.

CONTROINDICAZIONI/EFF.SECONDAR
Ipersensibilita' al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti o verso altri principi attivi strettamente correlati al naprossenedal punto di vista chimico. Il naprossene e' controindicato nei pazienti con manifestazioni allergiche, quali asma, orticaria, rinite, polipi nasali, angioedema, e reazioni anafilattiche o anafilattoidi indotteda acido acetilsalicilico, analgesici, antinfiammatori non steroidei(FANS) e/o antireumatici, a causa della possibile sensibilita' crociata. Il naprossene e' controindicato in pazienti con sanguinamento o perforazione gastro-intestinale correlata a precedenti trattamenti con farmaci antinfiammatori non steroidei, emorragia/ulcera peptica ricorrente in fase attiva o precedente, malattie infiammatorie croniche intestinali (coliti ulcerose, morbo di Crohn), grave insufficienza epatica,grave insufficienza cardiaca, grave insufficienza renale (clearance della creatinina < 30 ml/min), angioedema, in corso di terapia intensivacon diuretici, e in soggetti con emorragia in atto e a rischio di emorragia in corso di terapia con anticoagulanti. - Terzo trimestre di gravidanza e allattamento. Controindicato in bambini sotto i 12 anni.

POSOLOGIA
Adulti ed adolescenti sopra i 16 anni: 1 compressa rivestita con filmogni 8-12 ore. Se necessario, un migliore effetto puo' essere ottenutoiniziando, il primo giorno, con 2 compresse rivestite con film seguite da 1 compressa rivestita con film dopo 8-12 ore. Non superare le 3 compresse rivestite con film nelle 24 ore. Anziani/Insufficienza renale. I pazienti anziani e i pazienti con insufficienza renale lieve o moderata non devono superare le 2 compresse rivestite con film nelle 24 ore. Popolazione pediatrica. Il farmaco e' controindicato nei bambini al di sotto dei 12 anni. Modo di somministrazione. Il farmaco dovrebbeessere assunto preferibilmente dopo un pasto. Deglutire le compresse intere con acqua. Non usare per piu' di 7 giorni per il dolore e per piu' di 3 giorni per la febbre. I pazienti devono essere informati di consultare un medico, qualora il dolore e la febbre persistano o peggiorino.

CONSERVAZIONE
Conservare nella confezione originale per proteggere il medicinale dalla luce e dall'umidita'.

AVVERTENZE
Gli effetti indesiderati possono essere minimizzati con l'uso della dose minima efficace per la durata di trattamento la piu' breve possibile necessaria a controllare i sintomi (vedere i paragrafi sottostanti sui rischi gastrointestinali e cardiovascolari). Studi clinici e dati epidemiologici suggeriscono che l'uso dei coxib e di alcuni FANS (specialmente ad alti dosaggi e per trattamenti di lunga durata) puo' essereassociato ad un modesto aumento del rischio di eventi trombotici arteriosi (p.es. infarto del miocardio o ictus). Sebbene alcuni dati suggeriscono che l'uso di naprossene (1000 mg/die) puo' essere associato adun rischio piu' basso, alcuni rischi non possono essere esclusi. Nonci sono dati sufficienti sugli effetti di naprossene a bassi dosaggi (600 mg/die) per trarre conclusioni definitive sui possibili rischi trombotici. Esiste una stretta correlazione tra dosaggio e comparsa di severi effetti indesiderati a livello gastrointestinale. Pertanto, dovrebbe essere sempre usato il dosaggio minimo efficace. E' richiesta cautela (parlarne con il proprio medico o farmacista) prima di iniziare iltrattamento nei pazienti con anamnesi positiva per ipertensione e/o insufficienza cardiaca poiche' in associazione al trattamento con i FANS sono stati riscontrati ritenzione di liquidi, ipertensione ed edema.La diuresi e la funzionalita' renale devono essere attentamente monitorate, in particolare negli anziani, nei pazienti con insufficienza cardiaca congestizia cronica o con insufficienza renale cronica, nei pazienti in trattamento con diuretici, o in seguito ad interventi chirurgici maggiori che comportano ipovolemia. Nei pazienti con grave insufficienza cardiaca, puo' intervenire un peggioramento delle condizioni. Si consiglia particolare cautela nei pazienti con precedenti di malattie gastrointestinali o insufficienza epatica e nei pazienti con manifestazioni allergiche in atto o pregresse, in quanto in questi soggetti il prodotto puo' determinare broncospasmo, asma, o altri fenomeni allergici. Se insorgono disturbi visivi il trattamento con Momendol deve essere sospeso. In associazione con l'uso dei FANS, sono state riportatemolto raramente gravi reazioni cutanee, alcune delle quali fatali, quali la dermatite esfoliativa, sindrome di Stevens-Johnson e necrolisiepidermica tossica. Nelle prime fasi della terapia i pazienti sembranoessere a piu' alto rischio: l'insorgenza della reazione si verifica nella maggior parte dei casi entro il primo mese di trattamento. Momendol deve essere interrotto alla prima comparsa di rash cutaneo, lesionidella mucosa o qualsiasi altro segno di ipersensibilita'. Il naprossene, come ogni altro FANS, puo' mascherare i sintomi di malattie infettive concomitanti. In casi isolati, e' stata riportata una esacerbazione di infiammazioni su base infettiva in connessione temporale con l'uso di FANS (es. lo sviluppo di fasciti necrotizzanti). Emorragia gastrointestinale, ulcerazione e perforazione, anche fatali, sono state riportate in qualsiasi momento del trattamento con tutti i FANS, con o senza sintomi premonitori o precedente storia di gravi eventi gastrointestinali. Negli anziani e in pazienti con storia di ulcera, soprattuttose complicata da emorragia o perforazione, il rischio di emorragia gastrointestinale, ulcerazione o perforazione e' piu' alto con dosi aumentate di FANS. Questi pazienti devono iniziare il trattamento con la piu' bassa dose disponibile. Per questi pazienti, e anche per pazienti che assumono basse dosi di aspirina o altri farmaci che possono aumentare il rischio di eventi gastrointestinali, deve essere presa in considerazione l'eventuale uso concomitante di agenti protettori (misoprostolo o inibitori di pompa protonica). I pazienti con storia di tossicita' gastrointestinale, in particolare quelli anziani, devono riferire qualsiasi sintomo gastrointestinale inusuale (soprattutto emorragia gastrointestinale) in particolare nelle fasi iniziali del trattamento. Deve essere prestata attenzione ai pazienti che assumono farmaci concomitanti che potrebbero aumentare il rischio di ulcerazione o emorragia, come corticosteroidi orali, anticoagulanti come warfarin, inibitori selettivi del reuptake della serotonina o agenti antiaggreganti come l'aspirina. Nei pazienti che assumono il farmaco, il trattamento deve essere sospeso se si verifica emorragia o ulcerazione gastrointestinale. IFANS devono essere somministrati con cautela nei pazienti con una storia di malattia gastrointestinale (colite ulcerosa, morbo di Crohn) poiche' tali condizioni potrebbero aggravarsi. L'uso deve essere evitatoin concomitanza di FANS, inclusi gli inibitori selettivi della COX-2.I pazienti anziani, che generalmente presentano qualche grado di compromissione delle funzioni renali, epatiche e cardiache, sono maggiormente esposti al rischio di insorgenza di effetti indesiderati correlatiall'impiego di FANS, specialmente emorragie e perforazioni gastrointestinali che possono essere fatali. L'uso prolungato di FANS nell'anziano e' sconsigliato. Il naprossene inibisce l'aggregazione piastrinicae puo' prolungare il tempo di sanguinamento. I pazienti con alterazioni della coagulazione o in terapia con medicinali che interferiscono con l'emostasi devono essere attentamente monitorati durante l'assunzione di Momendol. Si consiglia cautela nei consumatori abituali di alte dosi giornaliere di alcool, in quanto a rischio di sanguinamento gastrico. L'uso del prodotto deve essere evitato nei casi di dolore di origine gastrointestinale. Questo medicinale contiene: - Lattosio : i pazienti affetti da rari problemi ereditari di intolleranza al galattosio,da deficit totale di lattasi, o da malassorbimento di glucosio-galattosio, non devono assumere questo medicinale. Sodio: questo medicinale contiene 23 mg di sodio per compressa equivalente a 1,15% dell'assunzione massima giornaliera raccomandata dall'OMS che corrisponde a 2 g disodio per un adulto.

INTERAZIONI
La somministrazione di naprossene con altri FANS o corticosteroidi none' consigliata in quanto aumenta il rischio di ulcere e sanguinamentogastro-duodenale. Acido acetilsalicilico. I dati di farmacodimanica clinica evidenziano che l'uso concomitante di naprossene per piu' di ungiorno consecutivo puo' inibire l'effetto dell'acido acetilsalicilicoa basse dosi sull'attivita' piastrinica e questa inibizione puo' persistere per alcuni giorni dopo l'interruzione del trattamento con naprossene. La rilevanza clinica di questa interazione non e' nota. Il naprossene puo' aumentare l'effetto degli anticoagulanti, come gli anticoagulanti di tipo cumarinico (es. warfarin, dicumarolo) perche' prolungail tempo di protrombina e riduce l'aggregazione piastrinica, aumentando il rischio di emorragia gastrointestinale. La combinazione tra naprossene e litio dovrebbe essere evitata; quando necessaria, si consiglia un piu' stretto monitoraggio dei livelli plasmatici di litio ed un aggiustamento del dosaggio. Associazioni da impiegare con precauzione.A causa dell'elevato legame del naprossene con le proteine plasmatichesi consiglia cautela nel trattamento concomitante con idantoinici o sulfamidici. Deve essere adottata particolare cautela anche nei pazienti in trattamento con ciclosporine, tacrolimo, sulfaniluree, diureticid'ansa, metotressato, beta-bloccanti, ACE-inibitori, probenecid, diuretici tiazidici e digossina. Il naprossene puo' alterare il tempo di sanguinamento (che puo' risultare aumentato fino a 4 giorni dall'interruzione della terapia), la clearance della creatinina (puo' diminuire),l'azotemia ed i livelli ematici di creatinina e potassio (possono aumentare), i test della funzionalita' epatica (si puo' osservare aumentodelle transaminasi). Il naprossene puo' indurre falsi positivi nella determinazione dei valori urinari del 17-chetosteroide e puo' interferire con le determinazioni urinarie dell'acido 5-idrossi-indolacetico. La terapia con naprossene dovrebbe essere interrotta almeno 72 ore prima dell'esecuzione dei test di funzionalita' cortico-surrenalica.

EFFETTI INDESIDERATI
I seguenti effetti indesiderati sono stati riportati con i FANS e conil naprossene. Gli effetti indesiderati osservati piu' comunemente sono di natura gastrointestinale. Studi clinici e dati epidemiologici suggeriscono che l'uso dei coxib e di alcuni FANS (specialmente ad alti dosaggi e per trattamenti di lunga durata) puo' essere associato ad unmodesto incremento del rischio di eventi trombotici arteriosi (ad esempio, infarto del miocardio o ictus). Di seguito sono riportati gli effetti indesiderati organizzati secondo la classificazione sistemica organica secondo MedDRA. Sono state utilizzate le seguenti scale di valori: molto comune (>1/10); comune (>1/100, < 1/10); non comune (> 1/1000, < 1/100); raro (> 1/10.000, < 1/1000); molto raro (<1/10.000); non conosciuto (sulla base dei dati disponibili non e' possibile calcolarela frequenza). Patologie del sistema emolinfopoietico. Molto raro: anemia aplastica o emolitica, trombocitopenia, granulocitopenia. Disturbidel sistema immunitario. Non comune: reazione allergica (incluso edema della faccia e angioedema). Disturbi psichiatrici. Non comune: disturbi del sonno, eccitazione. Patologie del sistema nervoso. Comune: cefalea, sonnolenza, capogiro; molto raro: reazione simil-meningite. Patologie dell'occhio. Non comune: disturbi visivi. Patologie dell'orecchio e del labirinto. Non comune: tinnito, disturbi dell'udito. Patologiecardiache. Molto raro: in associazione al trattamento con i FANS sonostati osservati tachicardia, edema, ipertensione e insufficienza cardiaca. Patologie vascolari. Non comune: contusione. Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche. Molto raro: dispnea, asma. Patologie gastrointestinali. Comune: nausea, dispepsia, vomito, pirosi, gastralgia, flatulenza; non comune : diarrea, costipazione; raro: ulcera peptica, perforazione o sanguinamento gastrointestinale, talvolta fatale, sipuo' manifestare soprattutto nei soggetti anziani (vedere paragrafo 4.4), ematemesi, stomatite ulcerativa, colite aggravata, Morbo di Crohnaggravato; molto raro : colite, stomatite. Meno frequentemente e' stata osservata gastrite. Patologie epatobiliari. Molto raro: ittero, epatite, funzionalita' epatica ridotta Patologie della cute e del tessutosottocutaneo. Non comune: eruzione cutanea/prurito; molto raro: fotosensibilita', alopecia, disturbo bolloso inclusa la sindrome di Stevens-Johnson e la necrolisi epidermica tossica. Patologie renali e urinarie. Non comune: funzione renale anormale. Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione. Non comune: brividi, edema (incluso edema periferico). Esami diagnostici. Molto raro: pressionearteriosa aumentata. Come per altri FANS, possono verificarsi reazioni allergiche di tipo anafilattico o anafilattoide in pazienti con o senza una precedente esposizione a farmaci appartenenti a questa classe.I sintomi caratteristici di una reazione anafilattica sono: ipotensione grave ed improvvisa, accelerazione o rallentamento del battito cardiaco, stanchezza o debolezza insolite, ansia, agitazione, perdita di conoscenza, difficolta' nella respirazione o nella deglutizione, prurito, orticaria con o senza angioedema, arrossamento della cute, nausea,vomito, dolori addominali crampiformi, diarrea. Segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione.

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO
L'inibizione della sintesi di prostaglandine puo' influenzare negativamente la gravidanza e/o lo sviluppo embrio/fetale. Risultati di studiepidemiologici riportano un aumentato rischio di aborto e di malformazione cardiaca e di gastroschisi dopo l'uso di un inibitore della sintesi delle prostaglandine nelle prime fasi della gravidanza. Si ritieneche il rischio aumenta con la dose e la durata della terapia. Negli animali, la somministrazione di inibitori della sintesi di prostaglandine ha mostrato di provocare un aumento della perdita di pre- e post-impianto, e di mortalita' embrio-fetale. Inoltre, in animali ai quali sono stati somministrati inibitori di sintesi delle prostaglandine durante il periodo organogenetico, e' stato riportato un aumento di incidenza di varie malformazioni, inclusa quella cardiovascolare. Durante il primo e il secondo trimestre di gravidanza, il naprossene non deve essere somministrato se non in casi strettamente necessari. Se il naprossene e' usato da una donna in attesa di concepimento, o durante il primoe secondo trimestre di gravidanza, la dose e la durata del trattamento devono essere mantenute le piu' basse possibili. Durante il terzo trimestre di gravidanza, tutti gli inibitori della sintesi di prostaglandine possono esporre il feto a: - tossicita' cardiopolmonare (con chiusura prematura del dotto arterioso e ipertensione polmonare); disfunzione renale, che puo' progredire in insufficienza renale con oligo-idroamnios; la madre e il neonato, alla fine della gravidanza, a: possibile prolungamento del tempo di sanguinamento, ed effetto antiaggreganteche puo' comparire anche a dosi molto basse; inibizione delle contrazioni uterine risultanti in ritardo o prolungamento del travaglio. Pertanto, il naprossene e' controindicato durante il terzo trimestre di gravidanza. Poiche' i FANS sono escreti nel latte materno, come misura precauzionale il loro uso e' controindicato durante l'allattamento. Ci sono alcune evidenze che i farmaci che inibiscono la sintesi delle prostaglandine e della ciclo-ossigenasi potrebbero causare problemi alla fertilita' femminile, attraverso un effetto sull'ovulazione. Questo effetto e' reversibile con l'interruzione del trattamento.

Recensioni

Hai domande su MOMENDOL*12CPR RIV 220MG? Scrivi al farmacista

* campi obbligatori

Metodi di pagamento

PayPal

PayPal è un sistema di pagamento rapido e sicuro. Una volta selezionato questo metodo di pagamento e cliccando poi su “Conferma Ordine” si verrà reindirizzati sul sito Paypal.com dove potete scegliere tra:
- Effettuare il pagamento con il tuo conto personale Paypal (l'importo dell'ordine ti sarà addebitato sul conto PayPal al momento del completamento della transazione);
- Pagare con una qualsiasi carta di credito/prepagata (Visa, Visa Electron, Postepay, Carta PayPal, Mastercard, American Express) anche senza avere un conto Paypal.

Carte di credito

Key Client è il sistema di Cartasi per i pagamenti su Internet con carta di credito. Le informazioni inserite relativamente ai dati della carta di credito verranno inviate a Cartasi attraverso un server sicuro che utilizza il protocollo SSL3 a 128 bit, lo standard di sicurezza più elevato per l'invio di informazioni sensibili attraverso la rete Internet. I dati relativi alla carta di credito vengono processati esclusivamente da Cartasi e l'esercente gestirà solo i dati necessari all'invio dei prodotti.

Bonifico bancario

In questo caso l'ordine verrà inviato appena ricevuto l'accredito sul conto corrente. Nella causale indicare il numero d'ordine. Se il pagamento non ci perviene entro 7 giorni dall'ordine, quest'ultimo lo si ritiene annullato.

Il Bonifico Bancario anticipato deve essere effettuato a:
YOUFARMA®
Banca Popolare Emilia Romagna
Agenzia 1 Bologna, Via Emilia Levante 81
IBAN: IT 24 Y 05387 02401 000002176948

Pagamento alla consegna (contrassegno)

Prevede il pagamento in contanti al corriere e implica un costo aggiuntivo di €7,00 a prescindere dall’importo dell’acquisto e dalle eventuali spese di spedizione.

Metodi e tempi di spedizione


Le spedizioni avvengono con corriere espresso Bartolini. Una volta effettuato l’ordine, ti verrà inviata un mail per la rintracciabilità della tua spedizione.

La spedizione è gratuita per tutti gli ordini superiori a 29,90€. Per acquisti di importo inferiore, il costo della spedizione è pari a 3,40€.
Per le spedizioni in contrassegno è previsto un contributo ulteriore di 7,00€, anche se l’importo dell’acquisto supera29,90 € (in questo caso si pagherà solo il contributo fisso di 7,00€ e non le spese di spedizione di 3,40€).
Alcuni prodotti, opportunamente segnalati sul sito, danno comunque diritto alla spedizione gratuita anche se l’importo totale della spesa è inferiore a 29,90€.

E' possibile ritirare presso il nostro punto di prelievo di Bologna presso la farmacia Zarri, in tal caso non saranno addebitate spese di spedizione per qualsiasi importo acquistato.
Il pagamento della merce deve avvenire sempre on line: non è possibile pagare in loco in contanti.

Orario punti di prelievo di Bologna:
Farmacia Zarri di Via Ugo Bassi 1/e, 40121 Bologna
Lunedì-sabato orario continuato 08:30-19:30

Metodi e tempi di spedizione

Nord italia 24-36 ore Centro Italia 36-48 ore
Sud ed Isole 48 ore Estero (foreign countries) 3-4 giorni-days